Sono correttori posturali ortopedici dotati di stecche che aiutano nel mantenimento della schiena dritta riducendo la cifosi e alleviando la zona lombare.

La frequenza di pazienti affetti da dolori alla schiena è in continuo aumento e la percentuale  è superiore all’80% della popolazione.

Le continue abitudini lavorative/giornaliere, lo stress quotidiano, l’assenza di attività fisica, una vita sedentaria ma anche troppo movimentata, possono essere la continua causa di dolori alla schiena.

 Non sempre il dolore significa danno tissutale quindi non bisogna avere per forza un’ernia del disco per avere un brutto mal di schiena. Per questo ci interessiamo più a come avviene il movimento ed eventualmente alle posizioni che possono generare il dolore, piuttosto che alla vera anatomia.

La colonna vertebrale deve svolgere compiti funzionali estremamente differenti tra loro, di tipo statico e dinamico:

  • deve sostenere il peso del corpo (SOSTEGNO)
  • deve proteggere le strutture neuromeningee contenute nel midollo spinale (PROTEZIONE)
  • deve garantire i movimenti dei vari distretti corporei, mantenendo l’equilibrio (MOVIMENTO)

Dal punto di vista funzionale, quindi, la colonna vertebrale umana rappresenta una struttura portante elastica che deve essere in grado di garantire dinamicità e stabilità regolando un equilibrio di forze e di resistenze necessarie allo svolgimento di qualsiasi tipo di attività cinetica.

I busti ortopedici solitamente in microfibra elastica, per evitare atrofie e insofferenze nel paziente, traforato, per consentire una completa traspirazione, felpato, per ridurre i problemi cutanei, auto grippante, per consentire la più ampia regolazione possibile su tutta la sua superficie.

Si allacciano con il velcro, anteriormente, e hanno due fasce orizzontali indipendenti,sovrapponibili e differentemente tensionabili.

Dispongono di tiranti elastici lombari e dorsali, possono essere presenti delle stecche di supporto e bretelle con spallacci (nei modelli ove previsto).

Domande Frequenti:

> La Lombalgia è insorta acutamente, dopo uno sforzo? 

 La sintomatologia può essere semplicemente dovuta ad uno strappo muscolare, che è in grado di guarire da solo nel corso del tempo. Necessario il riposo e la diminuzione del carico lavorativo a livello della colonna vertebrale. 

> Le caratteristiche del disturbo erano già presenti da tempo, e recentemente sono peggiorate senza cambiare di sede o di tipo di dolore? 

 Il normale invecchiamento della colonna vertebrale può essere responsabile di questo genere di peggioramento della sintomatologia. Ricordiamoci che noi “usiamo” la nostra schiena, e che gli effetti di questa “usura” prima o poi si fanno sentire. 

> Il dolore è irradiato anche a livello di una, o di entrambe le gambe? 

 Un disturbo di questo genere può essere determinato da una compressione a livello del nervo. Il dolore in questo caso non è dovuto ad una patologia presente a livello degli arti inferiori, ma il cervello “per errore” registra un disturbo nel nervo e lo riferisce alla regione che normalmente quel nervo comanda. 

> Durante una passeggiata, sente il bisogno di fermarsi e di sedersi? 

 Il normale invecchiamento della colonna può determinare un calo delle capacità funzionali di quella schiena che precedentemente era capace anche di grandi fatiche. Alcune patologie legate però all’artrosi possono determinare questo quadro clinico. 

> Sedendosi, il dolore migliora?

 Nel caso di una stenosi lombare è presente questo tipo di caratteristica del disturbo alla schiena. Deve naturalmente essere eseguita una valutazione da parte dello Specialista competente.

> Al dolore, è associata una perdita di forza a carico degli arti inferiori? 

La percezione di un calo della funzionalità a carico delle gambe può essere semplicemente espressione del dolore determinato da un nervo sofferente. E’ tuttavia necessaria una valutazione da parte dello Specialista Competente. 

Le molteplici soluzioni che il mercato offre richiedono un’accurata valutazione funzionale (del paziente) e strutturale (della carrozzina manuale) per meglio identificare il sistema maggiormente idoneo.

A tale scopo, infatti, la prova di tale strumenti risulta fondamentale per meglio verificare l’efficacia e l’appropriatezza dello strumento prima di procedere all’acquisto o alla prescrizione.

Per gravi patologie o utenti bariatrici è consigliabile la realizzazione di appositi busti su misura.

Le molteplici soluzioni che il mercato offre richiedono un’accurata valutazione funzionale (del paziente) e strutturale (della carrozzina manuale) per meglio identificare il sistema maggiormente idoneo.

A tale scopo, infatti, la prova di tale strumenti risulta fondamentale per meglio verificare l’efficacia e l’appropriatezza dello strumento prima di procedere all’acquisto o alla prescrizione.

Hai bisogno di una valutazione?

CONTATTACI ATTRAVERSO IL FORM QUI SOTTO

Qualità offerte da Studio Pedis:

  1. Promuovere attività consulenziali in grado di rispondere alle esigenze dell’utenza
  2. Migliorare  l’efficienza nell’organizzazione e la qualità riferita alla soddisfazione del cliente
  3. Test e produzione personalizzate con materiali innovativi e tecnologici adatti alle singole patologie.

Cosa fa Studio Pedis?

  • ANALISI POSTURALE E BIOMECCANICA DEL PASSO( definizione di postura: si intende la posizione complessiva del corpo e degli arti, l’uno rispetto agli altri, ed il loro orientamento nello spazio).
  • CALZATURE E ORTESI SU MISURA
  • POST CHIRURGIA DEL PIEDE DIABETICO
  • TUTORI E PROTESI DI NUOVA GENERAZIONE SU MISURA
  • CALZE COMPRESSIVE SU MISURA
  • AUSILI PERSONALIZZATI CON SISTEMI DOMOTICI
  • SISTEMI POSTURALI PREDISPOSTI E SU MISURA

Le valutazioni saranno eseguite solo su appuntamento.

I prodotti ortopedici che trovi nel nostro studio vengono impiegati sia per prevenire peggioramenti di patologie croniche e invalidanti, sia a supporto di complessi interventi chirurgici come a problematiche che si verificano dopo gravi incidenti.

In Studio Pedis abbiamo veramente a cuore la tua salute, non esitare a contattarci per una valutazione.

Iter assistenza protesica erogabile a carico del Servizio Sanitario Nazionale, hanno diritto a questo servizio le persone con:

  • Certificato invalidante superiore al 33% o minori di anni 18;
  • Prescrizione specialistica redatta da un Medico del SSN competente;
  • Preventivo di spesa stilato dall’ortopedia;
  • Richiesta all’ufficio protesi di competenza di Autorizzazione
  • Erogazione da parte dell’ortopedia di quanto prescritto e autorizzato;
  • Collaudo del dispositivo da parte dello specialista (se richiesto).

Testimonianze bambini